HOME  WOODVIVAL  |  FOTO  |  LESSINIA  |  VIDEO  HOBBIES  |  LINKS  |  F.A.Q.   CHI SONO E CONTATTI

Ti trovi in: Housegate - Woodvival - Contenuti - Attrezzature - Coltelli, seghe, accette, macheti, multitool - Coltello autocostruito

.

Un classico coltello Bushcraft autocostruito.

Devo innanzitutto ringraziare Renato, il mio babbo, per i preziosissimi consigli, l'aiuto pratico, la condivisione delle esperienze, l'appoggio morale e alcune realizzazioni pratiche che mi hanno reso il lavoro enormemente più agevole! Grazie babbo!!

Il coltello Bushcraft mi è sempre piaciuto moltissimo. Ha la forma semplice dei coltelli nordici, con una robustezza maggiore. Ho quindi deciso di provare a cimentarmi nell'arte del coltellaio.

Intanto qualche nota tecnica. La lavorazione avviene per esportazione di materiale da una barra di acciaio al carbonio K720 non temprato, dello spessore di 6 mm e di larghezza 50 mm. Il coltello misura 24 cm, con 11 cm di lama affilata e 12 di manico. Il peso, a lavoro finito, è risultato di circa 400 grammi. Per il manico ho utilizzato legno di ulivo e tondino di ottone. Il fodero è stato realizzato in cuoio da 4 mm di spessore. L'affilatura è fatta a pietra sintetica ad olio, media e fine, e finita con pietra naturale ad acqua ultrafine. La lucidatura a specchio è stata ottenuta manualmente con carta di grana sempre più fine e con feltro e pasta microabrasiva. La tempera è fatta a forgia, con carbone coke e temperatura attorno agli 830° C, e raffreddamento in olio. Il rinvenimento è fatto sempre a forgia, riscaldando il dorso e raffreddandolo poi ad acqua. L'inclinazione dei biselli è di 22°.

Adesso una nota personale. Lo spessore della lama, 6 millimetri, sembrerà sicuramente esagerato. Difficilmente questi coltelli superano i 4 mm di spessore. Il mio Helle addirittura è spesso 3 mm. Allora perché questa scelta ? Beh, se devo trovarmi in una situazione in cui devo assolutamente fare affidamento sul mio coltello, voglio che questo mi dia la massima sicurezza di resistenza. Voglio poterlo usare come coltello, come leva, come martello, come piccola accetta, senza che si spezzi. Quindi 6 millimetri di spessore, a mio avviso, giustificano i difetti, fra i quali il maggior peso, con il vantaggio di darmi maggiore affidabilità. Forse è un ragionamento sbagliato, o esagerato, ma mi fa sentir sicuro, e questo mi basta!!!

Inoltre chiedo venia per la pessima qualità di gran parte delle foto: sono state scattate con il telefono cellulare, quindi sono quello che sono.

Ho preso la maggior parte delle idee da Greenpete, un inglese che ha pubblicato su Youtube 4 video estremamente interessanti e ben fatti, che potete vedere a questa pagina.

Detto questo vediamo come ho fatto.

Prima di tutto ho disegnato il coltello su un cartoncino, in grandezza naturale, a matita.

   

Poi ho ripassato a pennarello e ritagliato la sagoma.

 

Ho verificato che le dimensioni si adattassero perfettamente alla mia mano, usando la sagoma stessa.

 

Ho quindi riportato la sagoma sulla barra di acciaio, con un pennarello indelebile fine. La sagoma che vedete disegnata non è la stessa delle foto sopra, in quanto ho rifatto il disegno (più volte) per motivi sia estetici che funzionali.

Quindi, con un flessibile a mano e un disco sottile per il taglio del metallo, ho provveduto a sgrossare il disegno.

A questo punto ho rifinito la sagoma con una smerigliatrice da banco e con il flessibile a mano e carta abrasiva fine.

 

Ecco la sagoma rifinita e parzialmente lucidata.

I biselli li ho voluti fare a mano, usando una lima. Un lavoro davvero immane, che ha richiesto parecchie ore di lavoro. Non ho voluto usare il flessibile o la smerigliatrice per avere un'angolazione di 22° perfetti, ma credo che per ottenerla sia sufficiente prima togliere il grosso a macchina, e solo alla fine rifinire a lima per dare il giusto angolo. Fare tutto a mano è sicuramente esagerato, oltre che faticosissimo.

Per ottenere i 22° su tutta la lunghezza dei biselli e da entrambe le parti simmetricamente, il mio babbo ha ideato e  realizzato un apposito supporto per coltello e lima, con una morsa a stringere il supporto della lama. Il braccio che tiene la lama è inoltre ruotabile, e viene fissato saldamente in morsa solo dopo aver impostato l'angolazione richiesta. Questo permette di fare più angolazioni con lo stesso attrezzo. Alla lima è stato saldato un pezzo di tondino di ferro al posto del manico, per allungarla.

Quindi via di lima, da una parte e dall'altra, fino a realizzare i biselli.

     

Una volta realizzati i biselli e fatta una prima lucidatura ho realizzato i fori per i perni di ottone che terranno le guancette, a loro volta incollate al manico con una colla bicomponente. Ho quindi fatto una prima affilatura a pietra e olio, media e fine.

   

Poi ho sbozzato le guancette, usando un ramo di olivo vecchio di 7 anni, durissimo e con delle venature meravigliose. Le guancette sono state forate e i perni in ottone tagliati leggermente più lunghi del necessario.

     

Via quindi con la tempra. Con una forgia a carbone il metallo è stato portato alla giusta temperatura e quindi raffreddato in olio.

       

E' venuto bello nero, ma perfettamente temprato.

Per rendere il metallo meno fragile la lama è stata riscaldata di nuovo, sul dorso, fino a diventare di colore blu cobalto, e raffreddata in acqua.

     

Quindi ho rilucidato il tutto, a specchio, con carta vetrata sempre più sottile, fino al 400, e ho riaffilato la lama con pietra media e fine.

     

Ho quindi incollato le guancette e messo i perni di ottone, anch'essi incollati. Poi ho sgrezzato con la fresatrice a nastro, e quindi con la lima.

         

Dopo un pomeriggio passato a cartavetrare, ecco finalmente la creatura!!! Ho rifinito il legno con olio paglierino, un olio naturale che nutre e protegge l'ulivo delle guancette.

         

Il fodero è in fase di lavorazione!!! A breve il resoconto dettagliato.

.

Torna ai contenuti della sezione Woodvival - Torna alla pagina dei coltelli, seghe, accette...
 

HOME  WOODVIVAL  |  FOTO  |  LESSINIA  |  VIDEO  HOBBIES  |  LINKS  |  F.A.Q.   CHI SONO E CONTATTI