HOME  WOODVIVAL  |  FOTO  |  LESSINIA  |  VIDEO  HOBBIES  |  LINKS  |  F.A.Q.   CHI SONO E CONTATTI

Ti trovi in: Housegate - Woodvival - Contenuti - Tecniche - Il calore corporeo

.

Il calore corporeo come si perde ?

Che domanda stupida, vero ? Il calore corporeo si perde stando al freddo .

Ok, d’accordo. Logicamente a mezzogiorno di una splendida giornata di sole, la settimana di ferragosto, in centro a Verona non si perde calore. Ma la domanda che ho posto come titolo dell'articolo esige una risposta più approfondita. Ci sono 5 fattori principali che contribuiscono alla perdita di calore corporeo. Capirli è fondamentale per proteggersi, per costruire un rifugio adeguato e per evitare l'ipotermia. Vediamoli qui sotto, in dettaglio.

Come al solito, è una spiegazione corretta ma per forza di cose semplificata al massimo, assolutamente non tecnica. Sono concetti terra terra, non formule di fisica e di termodinamica. Qui su Housegate si va al sodo, fatti non pugnette . Cerchiamo di capire i concetti in maniera semplice, affinché siano chiari e rimangano ben impressi in mente. Per informazioni dettagliate, come al solito, c'è San Google che ci aiuta!!

Il corpo umano si raffredda, perde cioè calore, attraverso 5 "processi", in cinque modi diversi: conduzione, convezione, irraggiamento (o radiazione), sudorazione e respirazione. Vediamoli in dettaglio.

Conduzione.
La perdita di calore per conduzione è quella più evidente. Si ha quando un solido (il nostro corpo) entra in contatto diretto con un solido di temperatura diversa. In questo caso, parlando di perdita di calore, si ha perdita di calore per conduzione quando il nostro corpo entra in contatto diretto con un corpo più freddo. Classico esempio: sedersi sulla neve ci raffredda il sedere per conduzione. Il calore viene condotto dal sedere alla neve.

Convezione.
La perdita di calore per convezione si ha quando un fluido (per esempio l'acqua, o l'aria) entra in contatto diretto con un corpo di temperatura maggiore del fluido stesso. Classico esempio è il vento. A parità di temperatura in una giornata ventosa si percepisce più freddo, perché il nostro corpo perde calore più velocemente. Il vento allontana dalla superficie corporea quel piccolissimo strato di aria calda che ci avvolge, aumentando la velocità con cui ci raffreddiamo. Per calcolare questo fattore di perdita di calore, detto Wind Chill, esiste una formula apposita. Per esempio, alla temperatura di 0° C, con un vento di 6 nodi si percepisce freddo come se ci si trovasse a -5° C. Se il vento passa da 6 a 12 nodi la temperatura percepita è pari a -13° C!!

Irraggiamento.
Nell'irraggiamento la perdita di calore corporeo avviene sotto forma di radiazione elettromagnetica. Non sto qui a spiegare cos'è o come funzione, fidatevi e basta . Nella conduzione e nella convezione avviene uno scambio di calore per contatto diretto. La perdita di calore per irraggiamento non prevede invece nessun contatto diretto fra il corpo con temperatura maggiore (il nostro) e quello con temperatura minore (l'ambiente, la roccia, il vento, l'acqua...). Addirittura, avviene anche in presenza di vuoto assoluto fra due corpi. Il sole ci riscalda proprio così, per irraggiamento.

Sudorazione.
La sudorazione è l'emissione a livello della pelle, da parte di apposite ghiandoline dette sudoripare, di acqua (e non solo, ma a noi non interessa). Quest'acqua evapora, e l'evaporazione è un fenomeno che assorbe calore. Sudare è quindi uno dei fattori che abbassano la temperatura.

Respirazione.
Ogni volta che immettiamo aria fredda nei polmoni, questa si riscalda e si umidifica. Quando l'aria viene resa all'ambiente porta con se questo calore e questa umidità, raffreddando le cavità polmonari e di conseguenza il sangue che nei capillari dei polmoni circola. La classica nuvoletta di fumo che emettiamo in inverno. Questo scambio di calore e di umidità con l'esterno causa una perdita di calore.

 Per completezza diciamo che anche la minzione (fare la pipì) e defecare causano una perdita di calore, ma qui si tratta proprio di fare i pignoli! Quindi tralasciamo questi due fattori!!

Quindi come possiamo evitare di perdere calore ?

Ok. Capito come perdiamo calore, capiti cioè i 5 meccanismi che contribuiscono ad abbassare la nostra temperatura corporea, vediamo come evitare che ciò avvenga. Lo facciamo esaminando uno per uno i 5 fattori sopra descritti. Adesso che li conosciamo, possiamo pensare a come sconfiggerli. Per questo la conoscenza è un'arma di sopravvivenza fondamentale: conosci il tuo nemico se vuoi sconfiggerlo!!!

Conduzione.
Per evitare la conduzione di calore dal nostro corpo ad un corpo più freddo occorre evitare il contatto diretto con altri corpi più freddi. Sedersi sulla neve, toccare la neve o l'acqua, bere acqua gelata o mangiare la neve, sdraiarsi sulla roccia nuda... sono comportamenti da non tenere assolutamente. Occorre invece usare vestiti, guanti, scaldare l'acqua, dormire creando un isolamento di foglie, aghi di pino, stracci o carta... Bisogna cioè o evitare di toccare corpi freddi o fare in modo che fra il nostro corpo e i corpi freddi ci sia sempre un isolante. Ottimi isolanti sono gli aghi di pino e le foglie. Un letto di aghi di pino ti riempie i vestiti di resina, ma impedisce di perdere calore per conduzione, e inoltre profuma. Manciate di foglie sotto la giacca, o fogli di giornale, impediscono al calore di andarsene, e quindi tengono caldo. Non perché siano essi stessi calde, ma proprio perché bloccano la conduzione (e anche la convezione, in quanto proteggono dal vento).

Convezione.
Evitare di esporsi al vento o di bagnarsi prevengono dalla perdita di calore per convezione. Un rifugio di emergenza deve sempre proteggere dal freddo e dalla pioggia. E deve essere areato, perchè bagnarsi per l'umidità è altrettanto micidiale che prendere un temporale. Avvolgersi in un nylon può sembrare un'idea geniale: mi faccio un bel bozzolo, mi ci arrotolo dentro lasciando fuori solo la punta del naso, e passo una notte al calduccio !!! Ma la traspirazione del corpo, l'umidità dell'aria, la condensa della respirazione ci faranno svegliare inzuppati, anche a temperature estremamente fredde. E questo significa gravissimo pericolo di vita!!! Occorre, in questo caso, asciugarsi, velocemente. Spogliarsi, fregandosene del freddo, e cambiarsi, o accendere un fuoco e asciugare gli abiti. Stare sempre sottovento, mettere fra noi e la corrente d'aria prevalente una barriera, come roccia, sterpaglia, arbusti, è molto importante nella lotta contro il freddo. Foglie sotto gli abiti li renderanno resistenti al vento, anche se ridurranno la traspirabilità quindi attenzione a muoversi meno possibile e non sudare.

Irraggiamento.
Questa radiazione che si allontana da noi va sfruttata, visto che evitarla è impossibile. Una coperta alluminata, la classica coperta di emergenza, ci aiuterà a ricevere indietro parte di questo calore. Attenzione che non sono traspiranti, quindi c'è il rischio di bagnarsi per traspirazione e sudorazione e di peggiorare la nostra situazione, invece di migliorarla. Nel costruire un rifugio di emergenza dobbiamo fare in modo che sia più piccolo possibile, per tenere il calore perso in questo modo il più possibile concentrato vicino a noi. E attenzione a mettersi troppo vicini a corpi freddi, come la carcassa gelata di un veicolo: l'irraggiamento sarà maggiore.

Sudorazione.
Si può sudare abbondantemente anche a temperature molto inferiori allo zero!! Anni fa abbiamo costruito un rifugio di neve detto Quinzee, una specie di trullo fatto di neve che si autocompatta e che poi viene scavato all'interno. La temperatura era molto fredda, parecchi gradi sotto zero, tanto che la neve andava spaccata per poterla ammucchiare. Ingenuamente e stupidamente non ho tolto la giacca a vento, e mi sono trovato inzuppato di sudore. Quando abbiamo finito di spalare ci siamo fermati, per aspettare un paio d'ore in modo da dar tempo alla neve di compattarsi. Dopo pochi attimi ho iniziato a tremare violentemente e ad avere moltissimo freddo. I miei amici non riuscivano a capire cosa succedesse, hanno detto poi di essersi spaventati per i miei sussulti. Per fortuna eravamo in un boschetto dietro casa, altrimenti sarebbe stata una situazione estremamente pericolosa. Evitare di sudare è fondamentale. Vestirsi "a cipolla", a strati, è in questo caso la soluzione migliore. Aumentando lo sforzo fisico si devono togliere strati di vestiti, in modo da mantenere sempre il corpo asciutto. Finito lo sforzo ci si rivestirà senza essere bagnati. Ricordiamoci sempre che la costruzione di qualsiasi rifugio, anche il più semplice, comporta sudorazione. Il lavoro fisico fa aumentare la temperatura interna, e il corpo reagirà sudando.

Respirazione.
Visto che smettere di respirare non è consigliato da nessun manuale di sopravvivenza, occorre fare in modo di ridurre al massimo la perdita di calore e di liquidi che la respirazione provoca. Inspirare con il naso permette all'aria di riscaldarsi leggermente prima di arrivare ai polmoni. Respirare con una sciarpa o un fazzoletto su naso e bocca aumenta l'umidità dell'aria in ingresso, ridandoci indietro almeno una piccola parte di liquidi persi. E poi respirare con calma, lentamente: il corpo stesso reagisce al freddo riducendo la respirazione.

 

Ci sono altri modi di difendersi dal freddo, naturalmente: il fuoco, per esempio. Questi elencati possono però servire come preziosa guida nella costruzione di un rifugio di fortuna, o per darci qualche regola di comportamento saggia in climi estremamente caldi.

 

.

Torna ai contenuti della sezione Woodvival - Torna alla sezione delle tecniche
 

HOME  WOODVIVAL  |  FOTO  |  LESSINIA  |  VIDEO  HOBBIES  |  LINKS  |  F.A.Q.   CHI SONO E CONTATTI