HOME  WOODVIVAL  |  FOTO  |  LESSINIA  |  VIDEO  HOBBIES  |  LINKS  |  F.A.Q.   CHI SONO E CONTATTI

Ti trovi in: Housegate - Woodvival - Contenuti - Tecniche - La termoregolazione

.

La termoregolazione.

Alcune note molto semplici e non tecniche. Informazioni molto approfondite si trovano in rete, basta fare una ricerca generica con Google. Qui voglio solo indicare a grandi linee alcune nozioni che possono servire ad evitare sia problemi di sovrariscaldamento che di eccessiva esposizione al freddo.

Tutti sappiamo che il corpo umano è una macchina termica, e che la temperatura interna deve essere mantenuta molto vicino ai 37 gradi centigradi per lavorare al meglio, anche in caso di variazioni notevoli dell'ambiente esterno.

Il meccanismo che tende a mantenere costante la temperatura dell’organismo adattando i processi di produzione e di dispersione del calore ai cambiamenti della temperatura ambientale è detto termoregolazione. Ogni volta che si verificano variazioni della temperatura ambientale l’organismo mette in atto risposte attraverso le quali vengono adeguate la dispersione e/o la produzione di calore. Il corpo cerca cioè di regolare la temperatura interna e di mantenerla costante anche in caso di molto freddo o di molto caldo: si termoregola.

In ambiente freddo I meccanismi di termoregolazione sono:

l’attività muscolare (brividi);
la secrezione di adrenalina;
l’aumento dell’appetito (i cibi assunti fanno aumentare la produzione di calore);
il restringimento dei capillari cutanei con conseguente diminuzione di afflusso di sangue alle  parti esterne del corpo;
i riflessi di raggomitolamento.

In ambiente caldo  i processi attivati sono invece:


la dilatazione dei capillari esterni, per aumentare la dispersione di calore attraverso il sangue;
l’aumento della frequenza del respiro (che aumenta la dispersione del calore raffreddando le cavità polmonari e aumentando l'evaporazione);
la sudorazione;
il senso di diminuzione dell’appetito;
la secrezione di un ormone che rallenta il metabolismo e, quindi, la produzione di calore.

Questo quanto avviene a livello metabolico. Ma il nostro corpo non può essere lasciato solo in questa a volte durissima battaglia contro le condizioni ambientali estreme. Mettersi all'ombra quando il sole picchia a ferragosto e l'asfalto scotta i piedi, o infilarsi un maglione quando la brina avvolge i fili d'erba sono gesti tesi a termoregolarci. Li vedremo nelle sezioni specifiche, sempre qui nella sezione delle tecniche.

.

Torna ai contenuti della sezione Woodvival - Torna alla sezione delle tecniche
 

HOME  WOODVIVAL  |  FOTO  |  LESSINIA  |  VIDEO  HOBBIES  |  LINKS  |  F.A.Q.   CHI SONO E CONTATTI